Cruciani racconta Cruciani, alla maniera di Cruciani. Tutto da leggere

cruciani-racconta-cruciani,-alla-maniera-di-cruciani.-tutto-da-leggere

Giuseppe Cruciani: «Macché violento, sono il paladino di Confindustria»

TPI – The Post International, pagina 36, di Riccardo Bocca.

Il 23 dicembre scorso, mentre gli italiani si apprestavano a festeggiare il Natale tra un tampone e l’altro, andava in onda su Radio24 l’ultima puntata prima delle feste de La Zanzara, il programma che dal 2006 Giuseppe Cruciani pensa, scrive e conduce con la complicità in onda di David Parenzo. Cinque giorni dopo sarebbe caduto sulla trasmissione il meteorite della morte per Covid del signor Mauro Buratti da Mantova, sessantenne no vax, complottista, insultatore metodico, anima fragile e personaggio abituale del barnum crucianico. «Basta costruire mostri!», ha protestato chi ne La Zanzara vede una macchina fomentatrice di deliri. Intanto sull’altro fronte, quello dei fan dello zanzarismo, si invocava la libertà di espressione e sarcasmo. Una guerra (in)civile sui social e non soltanto.

Ma ora torniamo alla puntata del 23 dicembre, quella ante polemiche e considerabile quindi come prodotto di routine. Uno spazio in bilico tra attualità e grottesco che, mentre le altre emittenti passavano per la milionesima volta Last Christmas degli Wham è decollato alle 18.30 per atterrare circa due ore dopo. All’interno, ospiti il diacono escatologo e anti vaccinazioni Renzo Ventrudo, la ruttatrice Caterina Branchini con il suo compagno altrettanto ruttante Andrea Carra, il segretario nazionale di Fascismo e libertà Carlo Gariglio cultore di nonno Adolf e una coppia scambista composta manzonianamente da tali Renzo e Lucia. Menù condito, grazie ai conduttori e altri innesti telefonici, da un’esondante sequenza di “cazzo”, “puttanate”, “coglioni”, “leccaculo”, “testa di merda”, “stronzo”, “minchia di cane” e altri dirty-innesti usuali nella grammatica narrativa dello show. Sullo sfondo, come sempre accade dal lunedì al venerdì, granate di musica metallara.

Dentro di me, invece, la gran voglia di chiedere a Giuseppe, anni 55, romano, una figlia, laurea in Scienze politiche con tesi su Sendero Luminoso, mente brillante e instancabile, lavoratore ansioso e perfezionista, autore del libro Nudi, il sesso degli italiani nonché vincitore nel 2013 del prestigioso Premiolino assieme al suo radio-socio, che senso abbia tutto questo. Quanto cioè, in un periodo già sgangherato, serva pigiare sempre e comunque il pedale degli eccessi, del grottesco e della violenza verbale.

Sinceramente, Giuseppe: non ti viene il dubbio di avere sbagliato qualcosa, di essere ormai una star-trash succube della smania di esagerare?

«Naturale che mi ponga delle domande, è doveroso, ma non mi chiedo cosa sia utile o inutile a chi segue La Zanzara. Mi chiedo invece cosa diverta il pubblico e che elementi possano contribuire ad allargare la platea. È questa la mia priorità».

Viviamo tempi feroci, però, anni di livida polarizzazione, giorni nei quali l’odio prevale sulla ragione. Non credi che La Zanzara, con le sue continue esasperazioni, sia complice e manipolatrice di pulsioni tanto pericolose?

«È una stronzata, oltre che una balla inaudita, credere che un programma radiofonico fatto di intrattenimento, informazione e opinioni possa contribuire ad esasperare gli animi. Piuttosto fotografa la realtà e la riproduce con momenti di rabbia, altri nei quali si ride, altri ancora dove raccontiamo come gli italiani si comportano a letto».

Per Wikipedia tu sei uno shock jock, ovvero «una personalità interna al mondo della comunicazione che unisce ai fatti di cronaca commenti offensivi e contenuti satirici». In pratica ti dà del sabotatore tagliente e volgare. Ti riconosci?

«Chi ha scritto questa nota non sa cosa cazzo sia, uno shok jock. È una figura tipica della radiofonia americana, oggi superata, che aveva come caratteristica principale quella di spararle grosse o di farle sparare grosse».

Appunto. Tu le spari grosse e le fai sparare grosse.

«Allora diciamo così: sono onorato di appartenere alla categoria degli shock jock, ma ciò non significa essere per forza volgare o violento. lo sono la persona più pacifica del mondo. Cito un motto sgarbiano che condivido: si può utilizzare il massimo della violenza verbale, ma mai la violenza fisica».

Pensare che la violenza delle parole non possa portare ad altre conseguenze è un po’ ingenuo.

«Dipende da cosa uno dice. In radio non ho mai incitato alla violenza. Mi limito a dare della testa di cazzo o dello stronzo a qualcuno».

Quei qualcuno ti rispondono che giochi a fare il fomentatore mediatico, ma di fatto lavori per la radio della Confindustria, cioè dei padroni per eccellenza.

«lo non gioco affatto: mi sono trovato qui a fare la mia trasmissione e ho trasformato questo posto, con Parenzo un po’ complice e un po’ vittima, in un luogo dove il linguaggio si è fatto colloquiale, si è inasprito e a tratti è diventato volgare».

La critica a cui mi riferivo, però, è un’altra. Più seria. Ti si contesta di fare quello che provoca e trasgredisce, ma alla fine è al soldo dei padroni dei padroni.

«II mercato è il mercato. Sono a Radio24 e la mia trasmissione funziona. Se poi arrivasse un’offerta da altre parti, come già successo in passato, la valuterei».

Chi ti ha corteggiato?

«Per esempio Radio Deejay, due volte. Mi rammarico ancora di avere rifiutato, perché Linus contava di potermi avere e io in qualche modo gli ho dato una delusione. Odio deludere le persone, anche se onestamente non so come sarebbe andata a finire con Linus».

In compenso di Radio24 parli sempre benissimo. Dici di avere massima libertà di azione, anche se la sensazione è che tu sappia molto bene cosa si può dire e cosa no.

«Radio24 è un posto un po’ bizzarro dove i conduttori sono lasciati liberi di esprimere le loro personalità. II che non significa che non ci sia un controllo editoriale. Non c’è alcun decalogo imposto, ma noi il decalogo sappiamo qual è. A La Zanzara non mi occupo mai di questioni che riguardano l’economia, ad esempio, perché comunque non c’entra con il format della trasmissione».

Mai ricevuto censure, quindi.

«Mai. Certo non mi metto a scatenare in onda discussioni su una frase del presidente di Confindustria perché so che potrebbe diventare un problema, magari per gli interventi di qualche ascoltatore. E comunque mi considero il più aziendalista che c’è. Probabilmente concordo con il 90 per cento delle cose fatte da Confindustria».

Per intendersi: hai parlato a La Zanzara della vicenda giudiziaria di Roberto Napoletano, l’ex direttore del Sole 24 Ore accusato di manipolazione dei dati di vendita del quotidiano di Confindustria? Era un bella occasione, per chi come te intreccia notizie e sarcasmi.

«Ma figurati se si poteva parlare di Napoletano… Però quando ci fu la perquisizione della Guardia di finanza nella sede del Sole 24 Ore, per fare un po’ di satira in radio su ciò che era successo mi feci trovare vestito da carcerato con le manette».

(Continua su TPI – The Post International)

(Nella foto Giuseppe Cruciani)